Chi ami? Sei sicuro?

 

L'immagine può contenere: montagna, cielo, spazio all'aperto, natura e acqua

Non dobbiamo giocare
Lei mi ha detto di andare e poi si mettono le mani su di me
(mani su di me)
Non dobbiamo giocare
Posso sentire il tuo corpo, bambino mi ricorda
(Si ricorda di me)

È lui tutto quello che, tutto quello che serve?
Oh, andiamo non vuoi dirmi
Oh, oh

Chi ami?
Sei sicuro?
Chi ami?
E sei sicuro?
Chi ami?
Sei sicuro?
Chi ami?
E sei sicuro?

Spegnere il telefono
Non ha bisogno di scoprire ciò che non ha bisogno di sapere
(Bisogno di sapere)
Allora dimmi che cosa vuoi fare
Perche ‘non si può dividere il tuo cuore in due
Ora dimmi quello che vuoi fare, ooh

È lui tutto quello che, tutto quello che serve?
Oh, andiamo non vuoi dirmi
Oh, oh

Chi ami?
Sei sicuro?
Chi ami?
E sei sicuro?
Chi ami?
Sei sicuro?
Chi ami?
E sei sicuro?

Ragazza mi dire chi ami e tutto
Sai chi ho spendere questo denaro su
Tu dici “Dolla mi compri Balmain
Dolla bambino potrebbe essere velenoso
Dolla portarmi su un giro in barca ”
Hai intenzione di cavalcare come un yacht di stasera
Se aveste urlando come “Ahoo!”
Dire che si desidera solo Dolla

Chi ami?(Chi ami?)
Sei sicuro?(E sei sicuro?)
Chi ami?(Chi ami?)
E sei sicuro?(E sei sicuro?)
Chi ami?(Chi ami?)
Sei sicuro?(Chi ami?)
Chi ami?(Chi ami?)
E sei sicuro?(Sei sicuro?)

(Chi ami?)
E sei sicuro?
Chi ami?
E sei sicuro?

 

 

 

Who do you love? Are you sure?

L'immagine può contenere: nuvola, cielo, spazio all'aperto, natura e acqua

Let’s not play You told me

to go and then you put your hands on me

(Hands on me)

Let’s not play

I can feel your body, baby he remembers me

(Remembers me)

Is he all that you, all that you need

Oh, come on won’t you please tell me

Oh-oh

Who do you love?

Are you sure?

Who do you love?

And are you sure?

Who do you love?

Are you sure?

Who do you love?

And are you sure?

Turn off your phone

He don’t need to find out what he doesn’t need to know

(Need to know)

So tell me what you wanna do

Cos you can split your heart in two

So tell me what you wanna do, oh

Is he all that you, all that you need

Oh, come on won’t you please tell me

Oh-oh

Who do you love?

Are you sure?

Who do you love?

And are you sure? (Who do you love?)

Who do you love? (Who do you love?)

Are you sure? (Who do you love?)

Who do you love? (Who do you love?)

And are you sure? (Oh)

Girl tell me who you love and all

You know who I spend this money on

You say “Dolla buy me balmin Dolla baby buy me”

Dolla baby might be venemous

Dolla take me on a boat ride

You gonna ride it like a yacht tonight

Had you screaming like da harper

Say you only want Dolla

Who do you love? (Who do you love?)

Are you sure? (And are you sure?)

Who do you love? (Who do you love?)

And are you sure? (Are you sure?)

Who do you love? (Who do you love?)

Are you sure? (Who do you love?)

Who do you love? (Who do you love?)

And are you sure? (Are you sure?)

(Who do you love?) Are you sure?

Who do you love? And are you sure?

 

L'immagine può contenere: nuvola e cielo

Allontana tutto ciò che ti fa del male o che ti vuole fare del male il resto tienilo con te

 

Chi siete voi per giudicare una persona che ama la stessa persona dello stesso sesso?
Chi siete voi per giudicare una persona che vuole cambiare?
Chi siete voi per giudicare una persona che AMA VERAMENTE TANTO?

A me hanno  insegnato una storia che si racconta di solito a un bambino per far si che cresce e ora ve la racconto anch’io.

-Nella favolosa città di Teheran, si sta svolgendo un censimento sulla popolazione e tutti i cittadini, vi si devono recare per certificare la loro esistenza.
Un vecchio con il nipotino, abitanti sulle montagne, in un villaggio molto lontano dalla capitale, si preparano per fare questo lungo viaggio.
A disposizione hanno un solo asinello.
Pian piano si incamminano, per potersi presentare ai funzionari addetti al censimento.
Mentre il bambino è seduto sul dorso dell’asino e il vecchio gli cammina accanto, incontrano un gruppo di persone e dopo averle superate, quando queste si allontanano, il vecchio percepisce i loro commenti:
“Guarda come è maleducato quel bambino, lui sta sull’asino, mentre il vecchio che ha le gambe stanche, cammina a piedi…”
Il vecchio non dice nulla, fa scendere il bambino e sale sull’asino.
Incontrano un altro gruppo di persone e dopo averle superare, di nuovo sente dei commenti:
“ Guarda quel secchione, che egoista, con un bambino così piccolo, con le gambe così corte, lui sta sull’asino e il povero bimbo, deve corrergli appresso….”
Il vecchio, non commenta, ma prende il bambino, facendolo sedere sul dorso dell’asino vicino a sé.
Incontrano un altro gruppo di persone e dopo averle superare, sente nuovamente dei commenti:
“Hai visto quei due lì? Con un asinello così piccolo, gli stanno sopra entrambi, finiranno per sfiancarlo…”
Il vecchio, ancora una volta non dice nulla, ma prende il bambino per mano, scendendo dall’asino ed insieme si incamminano a piedi.
Dopo qualche chilometro incontrano ancora delle persone, che li salutano, ma mentre si allontanano, queste, commentano ridacchiando:
“Avete visto quei due lì? Devono essere proprio stupidi! Hanno un asino a disposizione e vanno a piedi….”

LA Morale:
In qualsiasi modo fai non riuscirai mai accontentare tutti, ci sara’ sempre qualcuno che biasima il tuo operato.

Sebastian e Jennifer, su un autobus di linea da Pierino a Piacenza.
Saliti sull’autobus, Sebastian ha obliterato il biglietto ma Jennifer non ha fatto in tempo prima che l’autista si alzasse per controllare i titoli di viaggio. Secondo il racconto dei ragazzi, entrambi transgender, Jennifer è stata bloccata dall’autista e chiede lei il biglietto, non ancora obliterato. A quel punto le ha chiesto i documenti e quando la ragazza ha preso l’abbonamento (scaduto, ragione per cui aveva fatto il biglietto) per mostrarglielo l’autista afferma :” QUESTI NON SONO I TUOI DOCUMENTI”. L’abbonamento riporta il nome anagrafico, quindi ancora quello maschile, ma anche dopo aver mostrato la carta d’identità per assicurare i documenti di Jennifer l’autista continua ad urlare e sbandierare che non era suo. “La prego, per ragioni di privacy, abbassi la voce – ha detto Jennifer -: l’abbonamento è mio”.
“Mi prendete in giro” avrebbe detto l’autista, intimando ad entrambi di scendere dall’autobus.
Jennifer ha iniziato a piangere continuando a chiedere all’uomo di abbassare la voce, mentre un’altra passeggera ha dato man forte all’autista. “Muovetevi, scendete, andatevene” avrebbe incalzato la donna.
A quel punto l’autista li ha fatti scendere ed ha chiamato i carabinieri. Gli uomini dell’Arma hanno identificato sia Jennifer che Sebastian. Poi hanno concluso con:”SIETE TRANS,E’ NORMALE CHE SUCCEDANO DETERMINATE COSE”. Oltre all’umiliazione pubblica subita, Jennifer è stata colta da un attacco di panico e si è ritrovata al pronto soccorso di Piacenza.
I due ragazzi ora assistiti dall’avvocata Cathy La Torre e dal MIT che ha raccontato la loro storia su Facebook. Contattata da Gaypost.it, ha confermato tutto. “Entrambi sono stati sbattuti giù da un bus perché trans – scrive La Torre -. Se a voi questa pare la normalità: la normalità fa orrore. Il MIT agirà giudizialmente nei confronti dell’Azienda di Linea: non la passeranno liscia!“.

L'immagine può contenere: 2 persone, primo piano

 

Blog su WordPress.com.

Su ↑